PAROLE DI SABBIA

Le città di Chinguetti, Ouadane, Tichitt e Oualata, importanti centri antichi sorti lungo le vie carovaniere, celano un tesoro culturale. In quello che è diventato il regno della sabbia e del silenzio, si trovano alcune biblioteche private che ospitano migliaia di manoscritti e testi arabi, i più antichi dei quali risalirebbero all’XI secolo. Redatti su pergamena, finemente decorati con colori naturali da magnifiche miniature e tramandati di generazione in generazione i volumi, custoditi all’interno di suggestivi edifici costruiti in terra cruda, sono oggi in balia delle termiti e dell’avanzata della sabbia del deserto. Testi religiosi, compendi di scienza, letteratura, astronomia, geometria, diritto e matematica, rischiano di andare persi per sempre privando l’umanità di preziosi documenti che rimandano al periodo in cui la civiltà araba raggiunse il suo apogeo.

Presso il Museo Castiglioni di Varese, sarà visitabile fino al 2 maggio, la nuova mostra “Parole di Sabbia”, curata dall’Associazione Freezone. Si tratta di un interessante percorso che ha come protagonista la storia del grande continente africano raccontata attraverso i libri. Maurizio Fantoni Minnella ci mostra attraverso le sue foto, i suoi documentari e decine di rari volumi provenienti dalla sua sterminata collezione, aspetti della cultura africana poco conosciuti dal mondo occidentale ad iniziare da uno dei più incredibili patrimoni dell’umanità riconosciuti dall’UNESCO nel 1996: le biblioteche di sabbia della Mauritania.

Le bellissime foto delle “biblioteche di sabbia” scattate da Fantoni Minnella sono rese ancor più vivide dai poetici e struggenti filmati che documentano questi antichi insediamenti umani del deserto e la vita del porto della capitale mauritana, Nouakchott.
Completano il percorso le vetrine in cui sono esposti decine di libri rari e preziosi che ripercorrono la letteratura che ruota attorno alla storia, alle esplorazioni, ai viaggi, alla geografia, alla cultura, alle etnie dell’Africa. Divisi per argomenti si passa dal Sahara al Fiume Nilo, dai viaggiatori ed esploratori del 1800 fino alla riscoperta del continente nel ‘900 in cui hanno un ruolo da protagonisti i fratelli varesini Angelo e Alfredo Castiglioni, dai viaggiatori e scrittori in Africa alle grandi testimonianze lasciateci da Folco Quilici, per arrivare, infine, all’antropologia e alle viaggiatrici donne. 

Un percorso unico e originale che permetterà al visitatore di immergersi in una cultura apparentemente lontana ma che, in realtà, appartiene a tutti noi. Una cultura che ci parla dal continente che è la culla dell’umanità.

Ada Tattini

NELLA STESSA BARCA

È sul tema delle migrazioni che si snoda quella narrazione dell’Africa che fa leva sullo scontro di culture e che ostacola la comprensione profonda dei problemi che i fenomeni migratori attuali pongono alle società.
È per questo che il progetto Cantiere Casa Comune lanciato dalla Famiglia Comboniana ha tra i suoi obiettivi principali la promozione di una visione più larga verso un’umanità plurale, nella quale la commistione di popoli e culture diventa la risorsa, e non il problema.

Il progetto apre con un ciclo di webinar dal titolo Nella stessa barca – Verso un’umanità plurale a cadenza quindicinale, in un programma di panels che indagano diverse sfaccettature dell’accoglienza dei migranti in Italia, dalla cornice giuridica in tema di accoglienza e cittadinanza, passando per il racconto della tratta e del caporalato fino all’analisi di modelli di accoglienza virtuosi con Mimmo Lucano.

Laddove il mondo di oggi pone problemi globali, conseguenze trasversali dello sfruttamento di risorse naturali e umane a favore di una società occidentale tanto ordinata quanto diseguale, è necessario un cambio di paradigma che promuova la collaborazione tra popoli, tradizioni e generazioni diverse per costruire un futuro sostenibile in tutti i sensi.

Il primo appuntamento del programma di incontri online su piattaforma Zoom è per venerdì 20 novembre 2020 con un talk dal titolo Conoscere per comprendere con GESUALDI FRANCUCCIO e GIANFRANCO SCHIAVONE che presenteranno un primo inquadramento della realtà migratoria in Italia e l’analisi della nuova legge sui migranti.

Tutte le informazioni sul sito https://cantierecasacomune.it/

Ada Tattini