Venerdì 12 febbraio è in programma lo streaming di presentazione del libro Una storia scritta con i piedi, organizzato dall’associazione Un’altra storia di Varese con la partecipazione di Ubuntu Festival.

Il fenomeno migratorio è oggi un tema di grande attualità, per la politica e per la cronaca, ma l’emigrazione ha fatto parte della storia dell’umanità  sin dalla sua origine. Il cammino dell’uomo viaggia di pari passo con la sua evoluzione e lo porta lontano, a scoprire nuovi mondi e fondare nuove culture.

Partendo da questo presupposto fondamentale, il volume analizza le fasi evolutive delle migrazioni e come queste, a livello mondiale, europeo ed infine italiano, siano state vissute e affrontate. Un excursus storico, giuridico e a tratti politico che permette di inquadrare il fenomeno in un contesto più ampio e di acquisire chiavi di lettura, forse inedite per molti, sulle cause e sui rimedi della presunta “crisi migratoria”.

La ricostruzione giuridica tiene conto della molteplicità delle fonti, normative e giurisprudenziali, e dei diversi livelli – internazionale, europeo, nazionale – in cui sono articolate. Un manuale che cerca di semplificare la complessità, ricco di spunti critici, utile per la consultazione rapida ma anche per una lettura più meditativa, con importanti informazioni per gli operatori del settore ma anche per chi, per la prima volta e senza pregiudizi, vuole capire cosa siano le migrazioni oggi e cosa nascondono.

Il volume è pubblicato da RECOSOL, la rete italiana dei comuni italiani, associato  ad ASVIS. Molti dei comuni aderenti a RECOSOL gestiscono progetti di accoglienza diffusa di rifugiati e migranti.

RITA COCO
Giurista, dal 1998 lavora per l’Autorità garante della concorrenza e del mercato. Dal 2009 al 2013 ha lavorato come esperta nazionale distaccata presso la Commissione europea. Ha pubblicato articoli e saggi in materia di tutela dei consumatori, concorrenza, proprietà intellettuale e privacy. Allieva e collaboratrice di Stefano Rodotà, negli anni ’90 ha insegnato all’Università la Sapienza, conseguito un dottorato di ricerca in diritto comparato dell’economia e si è abilitata come avvocato. Ha viaggiato molto, per formazione e lavoro nel Nord del mondo, e per passione nel Sud del mondo, anche come volontaria. Negli ultimi anni ha rispolverato l’antica passione per i diritti umani e civili fino all’approdo a questo libro. Affianca all’impegno professionale quello gioioso di mamma di Michelangelo e quello sociale, tra cui nel campo del consumo critico, della scuola e dell’ambiente. È socia ASGI.

ROBERTA FERRUTI
Giornalista freelance. Ha iniziato negli anni ’90 come cronista collaborando con diverse testate locali e nazionali. Ha scritto per Avvenimenti, Paese Sera, Il Manifesto e L’Espresso. Attivista Verde negli anni ’80 e ’90, è stata tra i promotori dei primi Gruppi di Acquisto Solidali del Lazio e dell’Università Verde dei Castelli Romani. Ha due figlie ormai grandi, Cristina ed Alice, con le quali ha praticato l’home schooling. Nel 2016 ha visitato, in un lungo viaggio itinerante, i luoghi meta di sbarchi e di accoglienza che si è concluso a Riace. Scrive di migrazioni nel suo blog Tralerighe, su Comune.info, Volere la luna, Pressenza. Dal 2017 collabora con RECOSOL, la Rete dei Comuni Solidali. Per gli SPRAR – SIPROIMI di Gioiosa Jonica e Cinquefrondi ha svolto corsi per migranti e operatori. È coautrice del libro “Ecofemminismo in Italia. Le radici di una rivoluzione necessaria” a cura di Laura Cima e Franca Marcomin.

Per partecipare si prega di comunicare con l’organizzazione per ricevere il link all’evento.
Info evento – pagina fb Un’altra storia Varese
Contatto organizzatore Giuseppe Musolino 3387075200

UN’ALTRA STORIA VARESE

Ada Tattini

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s