Più di un milione e mezzo di persone nel mondo hanno provato la loro conoscenza dell’Africa accettando la sfida di youdontknowafrica.com, una pagina web interattiva ideata da David Bauer nel 2015 e diventata subito virale. Indovinare 20 nazioni africane puntandole su una mappa muta del continente nel minor tempo possibile, e condividere il proprio risultato: questo è il concept di questa sfida di conoscenze geografiche.

D’altra parte, ogni volta che conosciamo qualcuno, la nostra prima curiosità è sapere da dove viene, per poterci rendere conto in un dato della distanza – o della vicinanza – delle culture, salvo renderci conto immediatamente che non sapremmo individuare tanto facilmente i luoghi d’Africa sul planisfero.

Molti nomi delle nazioni africane non ci sono del tutto sconosciuti, e di certo molti di noi potranno facilmente indicare senza errore la localizzazione di stati più vicini come quelli che affacciano sul Mediterraneo. Forse qualcuno saprà con precisione mettere una puntina su Marrakesh, Hurgada o Zanzibar, mete turistiche rinomate in tutto il mondo. Chissà quanti invece saprebbero localizzare la Libia, o l’Etiopia, l’Eritrea o la Somalia, per citare solo alcune di quelle nazioni africane con le quali noi italiani abbiamo avuto più stretti legami storici, non sempre edificanti. Scatta il panico quando ci accorgiamo che le nazioni africane riconosciute sono 54 e che nelle nostre conoscenze c’è un enorme buco nero che va dai confini del Sud Africa (dai, è facile, si capisce dal nome!) fino al deserto del Sahara e oltre.

Ma non perdiamoci d’animo: c’è sempre qualcosa da imparare, e poichè la geografia può sembrare una materia noiosa, possiamo approfittare degli strumenti digitali per farci un’idea della conformazione dell’Africa e delle sue nazioni. Se volessimo poi entrare nei dettagli, un altro strumento di ricognizione geografica sta ottenendo grande successo virale. Si tratta di GeoGuessr, un sito che ci porta in un luogo a caso nel mondo con GoogleMaps e ci invita a indovinare dove ci troviamo solo con l’ausilio di StreetView. In questo gioco, le nazioni africane ufficialmente mappate sono davvero poche, ma il sito è zeppo di mappe e sfide sulla geografia africana create dagli utenti.

Quanto è difficile risalire alle coordinate geografiche di un luogo a partire dalla foto di una strada? Può sembrare banale, ma in realtà il gioco ci stupirà quando siamo sicuri di certi riferimenti che riteniamo dati di un luogo, per poi scoprire che stiamo guardando da tutt’altra parte. Quando immaginiamo di essere nella città di New York, e invece è Nairobi, o quando quel nastro di strada che taglia il deserto ci sembra dover essere in continente africano e invece siamo in mezzo alle Montagne Rocciose, ecco, quello è il momento in cui possiamo riflettere sulla vastità e la varietà dei luoghi del mondo e su come la società umana, nelle differenze di storie e culture, ha saputo trovare una sintesi comune.

Ada Tattini

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s